VIAGGI & TURISMO

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Guida semiseria per conoscere la Puglia - la Daunia

 ...e poi ti viene voglia di andare, di prendere e partire, verso sole, caldo, scogliere a strapiombo sul mare, acqua cristallina, bella gente e cibo buono. Se pensate alle Maldive, alle Seychells o alle Canarie vi sbagliate di grosso! L'invito è d'andare a scoprire, vivere e amare lo splendido tacco Puglia dello stivale Italia.

Unica accortezza: prendetevi almeno 15 giorni e divideteli in tre parti, così potrete dedicarne 5 al Tavoliere, al Gargano e al Subappennino dauno, 5 alle Murge, ai trulli e alla Valle d'Itria e gli ultimi 5 al Salento (questo per par condicio...poi, chissà...magari vi innamorate  di un posto e decidete di passarci la vita!).

Ma partiamo dall'inizio!
Zona A: la Daunia ovvero Tavoliere/Gargano/Subappennino dauno.
Periodo migliore? Un po' quando vi pare! Certo se volete vivere soprattutto il mare il consiglio va per il periodo estivo...tenendo conto che lì l'estate va da maggio a settembre, mentre il sole...beh, il sole vi riscalda anche ora che si è ai primi di marzo e può farlo anche a novembre!
Ma se il vostro obiettivo primario non è quello di fare un tuffo dal trabucco (particolare struttura usata in origine per la pesca) di Monte Pucci o una nuotata "giù a San Francesco" a Vieste o fare il giro delle grotte con sosta magari a Baia delle Zagare, allora, potete andarci anche ad ottobre o a febbraio e visitare i luoghi della fede: San Giovanni Rotondo, sulle tracce di Padre Pio, e Monte Sant'Angelo, visitando la grotta di san Michele Arcangelo. O magari visitare alcuni tra i borghi più belli d'Italia come Pietramontecorvino o Alberona o Faeto, con il loro sapore d'altri tempi, le piccole viuzze e il panorama mozzafiato che comprende la stupefacente tavolozza di colori che è il Tavoliere delle Puglie con il suo giallo-grano, rosso-pomodoro e verde-vigna.
Cosa mangiare? Di tutto un po', perché tutto è buono. Unico consiglio: attenti a pane, pasta, taralli, dolci...nemici dichiarati di fianchi e pesiforma. Che preferiate i formaggi o i salumi, i primi o i secondi, i dolci o i liquori, davvero non fa differenza. Tra caciocavallo podolico, canestrato, orecchiette e troccoli al sugo, involtini di carne e sottoli avrete da che scegliere. E per finire e per condire non fatevi mancare olio, vino doc e liquori agli agrumi del Gargano...sicuramente poi troverete mille conserve da portare a casa, insieme magari a dei sacchetti di taralli al seme di finocchio, per recuperare ogni tanto quei sapori.
Cosa visitare? Centri storici, chiese, musei, siti archeologici, laghi salati, doline, promontorio, foresta umbra, mare, grotte, masserie, santuari... Dalla preistoria ad oggi, c'è vasta scelta.
Dove dormire? Oltre alla classiche strutture ricettive come alberghi e B&B, potete trovare alberghi diffusi, soste camper, campeggi, villaggi turistici e agriturismi.
Link? Non possono certo mancare un po' di siti da visitare per definire gli ultimi particolari, e allora:
viaggiareinpuglia.it - pugliaturismo.com - parcogargano.it - daunia.org - gargano.it - subappennino.com ... questi per iniziare. Le migliori cartoline, però, saranno quelle che scatterete voi in prima persona.
Come dire...non ci sono più scuse per non partire alla volta della Puglia!
...to be continued...