SCIENZA & AMBIENTE

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Forum Mondiale a Marsiglia per l'"Oro blu" del pianeta Terra

Dal 12 al 17 marzo, a Marsiglia, ci sarà il Forum Mondiale sull’Acqua. Saranno presenti importanti organizzazioni internazionali come la Fao, l’Unesco, la Banca Mondiale e tanti organismi pubblici e privati e Ong che si interessano di ambiente e della difesa dei consumatori. L’acqua, l’«oro blu» del pianeta Terra, è una risorsa che viene sempre più messa in pericolo dal sovraffollamento demografico, dall’inquinamento atmosferico e del suolo e dal cattivo uso che se ne fa nella vita quotidiana.

Lo slogan del Forum sarà “E’ tempo di soluzioni”. Soluzioni non da cercare, perché esistono già tecnologie e progetti di economia e sviluppo sostenibile in grado di utilizzare la preziosa risorsa nel migliore dei modi. Ciò che manca ancora è forse la capacità economica, sociale e politica di considerare l’acqua come un “bene comune”, sia a livello locale sia nel sistema-mondo globale.

Dal buon uso dell’acqua dipendono la qualità e la quantità della produzione alimentare, la difesa della biodiversità, la produzione dell’energia e, di conseguenza, lo sviluppo equo e sostenibile di intere aree geografiche.

Le soluzioni vanno trovate, quindi, negli accordi nazionali e transnazionali, per un uso più accorto ed equo dell’acqua, soprattutto nella produzione agricola, in modo che tutti i cittadini possano usufruire delle risorse idriche, a salvaguardia della propria salute e di quella dell’ambiente naturale.

Questo importante palcoscenico mondiale precederà di alcuni mesi la conferenza Mondiale sullo  Sviluppo Sostenibile che si svolgerà in Brasile, a Rio de Janeiro, nel giugno 2012.

Sarebbe opportuno che già negli incontri di Marsiglia si ponessero delle basi comuni e soprattutto si sottoscrivessero impegni concreti per arrivare a Rio con delle proposte già pianificate per gli anni a venire.

E’ triste dover ammettere che ogni volta che finisce un forum mondiale il bilancio è sempre positivo riguardo le “indicazioni generali” e i “buoni propositi” di tutti i partecipanti, ma negativo in quanto alla produzione di  documenti politici che prescrivino – al di là degli interessi degli Stati nazionali – delle procedure comuni che risultino vincolanti, all’interno dei diversi organismi statali e delle Associazioni geopolitiche globali, nell’operare una svolta concreta nell’uso corretto delle risorse del pianeta.