SALUTE

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Siti Partner

Ospedali italiani con il conto?

Dal 1°marzo 2012 gli ospedali della Regione Lombardia devono comunicare ai pazienti il costo delle prestazioni erogate a carico del servizio sanitario nazionale. E’ giusto?

Il nostro servizio sanitario nazionale assicura a tutti i cittadini, indipendentemente dal reddito, la possibilità di accedere alle cure in caso di necessità. In un sistema del genere, non ha senso comunicare al paziente quanto è costata la sua malattia allo Stato. Sarebbe come dirgli, implicitamente: “La prossima volta muori a casa”, facendo sentire in colpa l’ammalato per aver pesato sulle casse pubbliche. E’ un modo per umiliare chi ha problemi di salute.
Se la Regione Lombardia intende fare un’operazione trasparenza, dovrebbe piuttosto comunicare ai pazienti il costo delle prestazioni nel dettaglio, evidenziando i vari capitoli di spesa: stipendi di medici e infermieri, vitto e alloggio, manutenzione dei macchinari. Solo così, forse, il cittadino si renderebbe conto che a volte i costi maggiori derivano da una cattiva gestione delle risorse da parte della politica.


In Italia abbiamo, fortunatamente, un sistema sanitario che si fonda sul principio di universalità e solidarietà: il Governo garantisce a tutti di potersi curare, indipendentemente dal reddito. Questo, però, non sempre è tenuto in conto dai cittadini, nonostante incida sulla qualità della vita. Negli Stati Uniti d’America, per esempio, non si è riusciti a fare una riforma sanitaria in grado di assicurare livelli minimi di assistenza per tutti e la gente ha il terrore di ammalarsi, non solo per motivi fisici ma anche economici. Il conto delle prestazioni sanitarie pubbliche aiuta il paziente a capire dove vanno i soldi delle tasse e lo responsabilizza, abituandolo a non darle per scontate.
Tuttavia, se l’obiettivo dell’operazione è risparmiare su esami e farmaci, non vorrei che per far conoscere ai pazienti il costo delle prestazioni si assumesse nuovo personale, finendo per spendere di più. Sarebbe un paradosso inaccettabile.

Articoli correlati