AUTO & MOTORI

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Bosch, svelati i segreti dell’auto del futuro

Il gigante Bosch Sicurezza, efficienza, rispetto dell’ambiente, elettrificazione. Queste sono le sfide per le quali le case automobilistiche sanno di avere un partner affidabile in Bosch

, gigante tecnologico che nel 2012 ha fatturato 52,5 miliardi di euro, parte dei quali reinvestiti in attività di ricerca e sviluppo, attitudine che ha portato ad innovazioni storiche come l’Abs e l’Esp.

L’auto del futuro – Nessuno come Bosch sa come sarà l’auto del futuro, a cominciare dai sistemi di propulsione di fronte a norme sempre più stringenti sui limiti anti inquinamento e sulle emissioni di CO2. I motori a benzina e gasolio rimarranno preponderanti e diventeranno più puliti ed efficienti, il metano e il diesel prenderanno piede anche negli U.S.A. e crescerà l’elettrificazione.

Prodotti Bosch – Nel corso degli anni Bosch ha prodotto 10 milioni di “sistemi stop&start”, ormai presenti in un’auto su due, ed è l’anima tecnologica di auto come la Peugeot 3008 HY-brid4, la Porsche Panamera ibrida plug-in, la Fiat 500e elettrica o l’Audi R18 e-tron 4.

I Partner – Dopo il sostanziale fallimento dell’alleanza con Samsung, Bosch ha trovato nuovi partner in Mitsubishi Corporation e GS Yuasa, con l’obiettivo di sviluppare batterie agli ioni di litio che hanno il doppio di potenza e capacità con la metà dei costi. L’azienda tedesca sta anche lavorando con PSA Peugeot Citroen all’ibrido che usa un serbatoio idraulico come accumulatore di energia al posto della batteria.

La sicurezza – Ma l’elettrificazione cambierà molto altro nell’automobile, a cominciare dal servofreno. Per questo Bosch ha ideato “l’i-Booster” che crea la massima pressione frenante in un terzo del tempo e, oltre a migliorare il recupero dell’energia, accorcia gli spazi di arresto e migliora le prestazioni dei sistemi di frenata automatica.

Anche i sistemi di frenata automatica, insieme a tutti gli altri dispositivi di sicurezza, faranno sempre più affidamento nelle “telecamere stereoscopiche” e nei “sensori radar” la cui diffusione sarà esponenziale: dal milione prodotto tra il 2007 e il 2013, si passerà a 10 milioni già nel 2016, anno in cui sarà obbligatorio avere la frenata automatica per i pedoni.

Sistemi predittivi – Il futuro è però nei “sistemi predittivi”, attraverso il cosiddetto “car-to-x”, il collegamento diretto con l’infrastruttura. Per eliminare alla radice tutte le situazioni di pericolo sarebbe necessario avere anche il “car-to-car”, ma per realizzarlo occorre che almeno il 50% delle auto circolanti siano capaci di comunicare tra di loro.

Elettrificazione – L’auto del futuro, dunque, si muoverà su un orizzonte elettronico e la “predizione” andrà di pari passo con l’automatizzazione della guida, che eliminerà la possibilità di sbagliare o compiere valutazioni errate che sono la prima causa d’incidenti stradali.