AUTO & MOTORI

Newswiki

Newswiki è un portale di news fatto da aspiranti giornalisti, blogger e gente comune: gente che ha qualcosa di interessante da dire. E' un punto d'incontro di punti di vista diversi, un modo per esprimere le proprie idee e condividerle con gli altri.

Auto d'Epoca 2012 di Padova, ritorno alle origini

Si è concluso lo scorso weekend l'appuntamento irrinunciabile per gli appassionati di auto d'epoca d'Italia e di gran parte d'Europa, manifestazione clou in grado di dimostrare la cultura e l'importanza storica che il motorismo d'antan è in grado di veicolare. 

 Auto di ogni epoca e a ogni prezzo, ricambi introvabili e accessori rarissimi sono stati soltanto la punta di diamante di Auto d'Epoca 2012 a Padova, la più importante manifestazione Italiana dedicata al motorismo storico e a tutto ciò che gli gravita intorno. Se infatti l'edizione 2011 è tristemente stata archiviata come inavvicinabile soprattutto nel settore compravendita, per la maggior parte dei collezionisti, l'edizione di questo autunno appena cominciato torna coi "piedi per terra" e offre una proposta di affari, oltre che vastissima, a portata di tutte le tasche. D'altronde la rinnovata locandina faceva presagire qualcosa di veramente nuovo e dedicato agli appassionati: "auto da 1.000 a 1milione di euro". Segno dei tempi, segno di un mercato che si sta piano piano rialzando, segno del crescente interesse verso l'auto d'epoca da parte di fasce della popolazione con meno disponibilità economica come i giovani, segno di quello che volete meglio interpretare, fatto sta che quest'anno il salone patavino è stato luce di speranza per l'intera economia italiana e pura soddisfazione per gli avventori (molti dei quali stranieri) sia venditori che compratori. Auto in ottime condizioni a prezzi di mercato come le numerosissime Porsche tra i 10.000 e i 150.000 euro, modelli particolari conservati e da restaurare ma completi come le bellissime Maserati Quattroporte e Alfa Romeo Giulietta o le molte utilitarie che hanno fatto la storia dell'automobilismo come Fiat 500 (la più bella è sicuramente la rarissima 595 Abarth totalmente originale a 32.000 euro), 600, Multipla, Citroen 2CV e Renault 4 che sono rientrate nelle cifre giuste per portarsele in garage dopo le assurde impennate degli anni passati. Queste ultime nella fattispecie sono sicuramente state aiutate nella visibilità dal Concorso "Povere ma Belle" dedicato appunto alle auto con un valore sotto i 12.000 €. Organizzato in collaborazione con il mensile Ruoteclassiche, solo alla 1° edizione è già fenomeno mediatico per il potere che ha di riaprire ed affrontare decisamente di petto le vessazioni fiscali e amministrative che vivono i collezionisti in Italia in questo periodo : "chi l'ha detto che le auto d'epoca sono un bene di lusso?" è infatti lo slogan del concorso che ammicca ad Equitalia e Co. emergendo dal coro di chi dice che chi ha un'auto d'epoca, deve essere per forza un ricco evasore. 

 

Ma c'è chi a Padova non ci è venuto solo a compare ma anche a sognare o avvicinarsi al mondo dell'auto d'epoca per la prima volta. A loro ci hanno pensato i numerosi club di zona, marca, modello e i registri ufficiali, oltre a numerose Case che hanno voluto partecipare direttamente alla kermesse. Gli stand erano infatti uno più spettacolare e lussureggiante dell'altro. 

Consueto richiamo alla cultura e alla divulgazione dell'automobile come arte nello stand dell'Automotoclub Storico Italiano grazie alla Maserati Mistral disegnata da Pietro Frua sul quale è stato presentato un importante testo, edito da ASI Service, proprio in seno alla manifestazione, domenica pomeriggio. Presenti anche una moto Triumph, la T100 e un kart Tony Kart prodotto dal noto produttore del settore agli albori del fenomeno kart che dimostra l'ampliamento dell'attività dell'ASI nei confronti di questi minuscoli veicoli da gara. Presenti poi ufficialmente Mercedes Benz  con modelli meravigliosi tutti della serie SL che quest'anno celebra i suoi 60 anni (stiamo parlando della celebre Freccia d'Argento da strada, la mitica "Ali di Gabbiano"), Maserati, Fiat con 500 L affiancata alla Multipla spiaggina, versione speciale scoperta per i tassisti capresi, Lancia con le sue cabriolet che abbracciano la nuova Flavia, Alfa Romeo con il prototipo della Giulia di cui quest'anno si festeggia il mezzo secolo e Peugeot con le sportivissime 205 GTI e Turbo 16 da poco entrate nei sogni di molti e nei garage di pochi privilegiati che non hanno resistito a cercare l'auto con la quale aveva "smanettato" da ragazzini. Immancabile poi la presenza del gruppo Volkswagen con Audi, con due meravigliose Audi Quattro regine dei rally negli anni '80 e Porsche, che raduna i registri di modello con una particolare attenzione, quest'anno, non solo a 356 e 911 ma anche a 914, uno dei modelli più controversi e perciò interessanti della casa di Zuffenhausen. 

Presenti in forze anche numerosi club zonali italiani che hanno promosso le loro iniziative per un grande 2013 motoristico. 

 

Le 60.000 persone registrate dai tornelli dell'ingresso nella sola giornata di giovedì e nelle primissime ore di venerdì, dimostrano la dinamicità e l'importanza di questa grandissima manifestazione che raduna gli appassionati di Italia e degli stati limitrofi come Germania, Svizzera e Austria, da sempre mercati privilegiati per il collezionismo d'alto di livello ma anche per le istant classic, le auto di interesse storico tra i 20 e i 30 anni e, in alcuni casi, anche meno (BMW Z3, Alfa Romeo GTV e Spider tanto per citarne alcune). Un successo confermato anche da un'altissima percentuale di venduto e di alcune novità come l'asta al ribasso e una proposta culturale assicurata dalle mostre dedicate a Gilles Villeneuve a 30 anni dalla sua scomparsa e a Tazio Nuvolari, organizzata dall'AMAMS di Mantova, città natale del "Nivola Volante"

 

      lo stand Audi con le Quattro Sport. In primo piano la stradale